Consulenza web e social media marketing: è una spesa deducibile al 100%, lo sapevi?

La pubblicità e la promozione online è un costo, è innegabile che per le aziende grandi o piccole che siano, è una voce di spesa imponente.

O almeno dovrebbe esserlo, nel 2019 non dovrebbe mancare in ogni azienda, anche micro-azienda, un budget dedicato a questo settore.

La buona notizia è che tutte le spese relative alle attività di marketing e pubblicità collegate ad un contratto chiaro, comprese quelle per le consulenze di web e social media marketing, sono deducibili al 100% dal tuo fatturato.

Sono deducibili (e non detraibli), questo vuol dire che la spesa non va a detrarsi dalle tasse che avrai da pagare dopo la dichiarazione dei redditi, ma che l’intera cifra delle fatture per pubblicità e propaganda dell’anno di esercizio possono essere interamente dedotte (sottratte) dal tuo reddito imponibile, oppure puoi decidere tu di ammortizzarle in 5 anni.

I requisiti che devono avere queste voci di spesa sono tre:

– competenza
– certezza
– inerenza

Il criterio della competenza vuol dire semplicemente che le spese devono essere dedotte nel relativo esercizio, quindi nell’anno in cui sono state sostenute.

Il criterio della certezza vuol dire che devono essere documentate da fatture e anche da un contratto chiaro.

Il criterio dell’inerenza vuol dire che le tue spese di pubblicità devono essere inerenti ad una attività idonea a produrre dei ricavi.

L’IVA invece, sulle stesse voci di spesa, gode di una detrazione forfettaria del 50%.

Quindi web e social media marketing sono spese importanti ma ti danno anche un doppio vantaggio, se fatti bene contribuiscono a far conoscere la tua azienda e i tuoi prodotti al pubblico e, contemporaneamente, abbattono direttamente il tuo imponibile con la completa deducibilità di tutti i costi che hai sostenuto.

Rientrano in questa categoria anche le spese di sponsorizzazione, come l’influencer marketing e il content marketing.

L’Agenzia delle Entrate nella nota del 14 novembre 2002, n. 356/E chiarisce che per sponsorizzazione si intende “un contratto bilaterale a prestazioni corrispettive, in base al quale il soggetto sponsorizzato o sponsee si obbliga nei confronti dello sponsor ad effettuare determinate prestazioni pubblicitarie dietro versamento di un corrispettivo che può consistere in una somma di denaro, in beni o servizi, che lo sponsor deve erogare direttamente o indirettamente”.

NEL DETTAGLIO ECCO QUALI SONO I PRINCIPALI SERVIZI DI MARKETING ONLINE DEDUCIBILI AL 100%:

  • consulenza web marketing
  • consulenza social media marketing
  • influencer marketing
  • content marketing
  • community marketing
  • formazione web marketing
    e social media marketing
  • realizzazione loghi e siti web

Non male vero?

Anche in quest’ultimo caso è fondamentale rivolgersi a professionisti e stendere dei contratti e fatture chiari, per non rischiare problemi in caso di contestazione dell’Agenzia delle Entrate.

Ma il consiglio di rivolgersi solo a professionisti veri e non ad improvvisati vale sempre, quindi niente di nuovo tra i miei suggerimenti fondamentali.

Se hai bisogno di una strategia di marketing online e non sai da che parte cominciare, questo è il momento giusto per prendere il toro per le corna, chiamami o mandami un messaggio!

Leave a Comment

Ricevi la newsletter ad ogni nuovo post e quando ho qualche sorpresa speciale per te: ISCRIVITI

Uso cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua visita. Per accettarli continua a navigare, per saperne di più o cambiare impostazioni consulta la Privacy e Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Leggi altro:
blogger e influencer: per i brand risorsa o bufala?

Influencer? Blogger? Ma esistono e sono una risorsa o sono delle figure mitologiche? Esistono, sono...

A cosa serve Pinterest: la forza delle immagini

Questo è un post su richiesta. Qualcuno molto più in alto di me diceva “chiedete...

Chiudi