Guest Post e Post Sponsorizzati: cosa sono e in cosa si differenziano

Guest Post e Post Sponsorizzati possono sembrare simili ma in realtà sono due cose ben diverse.

Spesso i due termini vengono usati a sproposito proprio dagli addetti ai lavori, faccio un po’ di chiarezza.

Se hai un’azienda, se lavori in un’agenzia di marketing, se sei un blogger devi assolutamente conoscere nel dettaglio le differenze per non incorrere in errori di valutazione o di terminologia.

Per capire il significato di Guest Post e di Post Sponsorizzato basta analizzare con cura il nome.

Il Guest Post è un post ospite, proprio come dice la traduzione letterale del termine, nella consuetudine gli ospiti non pagano e sono amici o conoscenti e anche il Guest Post segue questo filone: si ospita un altro blogger ovviamente senza farlo pagare, che scrive un articolo nelle sue corde ma ben calato nel tessuto del  blog che lo ospita.

Il Guest Posting (o Guest Blogging) è un ottimo modo per fare link building positiva, trovi un blog che ammiri e proponi uno scambio, tu offri un contenuto nuovo, fresco ed inedito e il proprietario del blog ti concede di inserire nel post il link al tuo blog e/o ai canali social.

E’ uno scambio equo perché chi riceve ha contenuti buoni e freschi che piacciono ai lettori e a Google. Chi offre ottiene un link dofollow naturale che, anche in questo caso, piace a Google e può fare arrivare nuovi lettori diversi da quelli che già lo conoscono.

Il Guest Posting può essere reciproco, cioè tu dai un articolo a me e io ne do uno a te, oppure a senso unico come ho descritto sopra, ma è sempre utile e positivo e non contempla MAI passaggio di denaro o di regali/prodotti omaggio.

Quando c’è passaggio di denaro o di prodotti omaggio il post è sempre un Post Sponsorizzato, non importa se lo scrive il blogger o se lo scrive l’azienda e lui/lei si limita a pubblicarlo, l’equazione non cambia: l’azienda paga (in denaro, in prodotti o entrambi) per fare brand awareness.

In questo caso l’operazione può essere positiva e legittima, anzi molto positiva in quanto i post sponsorizzati se ben fatti possono essere utilissimi ai lettori per almeno due buone ragioni:

1. un post sponsorizzato ben fatto è utile a chi legge esattamente come un post naturale

2. ottenere di essere pagato per il proprio lavoro permette ai blogger di continuare ad offrire contenuti gratuiti ma di valore, cosa che senza post sponsorizzati, e altri introiti, sarebbe impossibile fare a lungo termine

Un post sponsorizzato ben fatto deve seguire tutta una serie di regole tecniche, legali e non.

Le due regole più importanti sono:

1. che il Post Sponsorizzato deve essere adeguatamente segnalato ai lettori, con un apposito tag che renda tutti i post sponsorizzati identificabili sul blog e appositi hashtag sui social network. Esiste un’apposita legge sulla pubblicità e anche se il blogger non è un giornalista ha delle regole legali che vanno rispettate.

2. che i link a pagamento nei post sponsorizzati (anche se si ricevono solo prodotti in omaggio e non soldi) vanno inseriti come link nofollow per evitare di subire, nel tempo, penalizzazioni da parte di Google. Le possibili penalizzazioni di Google per la violazione ripetuta di questa regola sono sia per il sito che ospita, sia per l’azienda che viene linkata, quindi attenzione!

Ovviamente per scrivere un ottimo post sponsorizzato le regole non sono solo queste, se vuoi approfondire leggi cliccando qui sotto il mio post =>

BLOGGING: COME SCRIVERE IL POST SPONSORIZZATO PERFETTO

E’ consuetudine chiamare Guest Post un Post Sponsorizzato, lo fanno spesso sia le aziende che le agenzie che contattano i blogger, soprattutto per provare a portare a casa pubblicità (spesso mal fatta) senza spendere o cercando (maldestramente) di ingannare l’algoritmo dei motori di ricerca.

Se stai contattando un blogger per proporre una collaborazione con un’azienda scegli di usare le parole e le modalità giuste, ti prego!

Posted on: Febbraio 20, 2019, by :

3 thoughts on “Guest Post e Post Sponsorizzati: cosa sono e in cosa si differenziano

  1. Articolo scritto interessante.
    Io non capisco ancora la differenza fra link do/no follow. Quando inserisco un link normalmente è dofollow giusto? Ma come faccio a renderlo nofollow?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
Ricevi la newsletter ad ogni nuovo post e quando ho qualche sorpresa speciale per te: ISCRIVITI

Uso cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua visita. Per accettarli continua a navigare, per saperne di più o cambiare impostazioni consulta la Privacy e Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Leggi altro:
4 buone ragioni per registrare il tuo dominio web

Se hai bisogno di una presenza online la cosa migliore è cominciare registrando un dominio...

La scheda informazioni della fanpage, come compilarla al meglio

  La fanpage su Facebook ti serve, ormai l’hai capito. Quando si crea un nuova...

Chiudi